01 Facebook 24x24a           

Lago di Bracciano

contentmap_module



Il lago di Bracciano, originariamente chiamato anche lago Sabatino (latino: Lacus Sabatinus), è un lago che riempie una depressione di origine vulcanica e tettonica, situato nel nord della città metropolitana di Roma, circondato a nord dai Monti Sabatini.

La sua superficie di 56,5 km²[1] ne fa l'ottavo lago italiano per estensione, il terzo del Centro Italia (dopo il lago Trasimeno e quello di Bolsena) nonché il secondo del Lazio. La sua profondità massima, circa 160 m,[2] lo rende a sua volta il sesto lago italiano per profondità (il secondo del Centro Italia dopo il lago Albano). Il lago non presenta isole e ha un emissario, il fiume Arrone, che origina sulla costa sudorientale e si getta nel mar Tirreno in località Maccarese.

A due chilometri a est del lago si trova il più piccolo lago di Martignano, anch'esso di origine vulcanica, assieme al quale la zona nel 1999 è stata dichiarata parco regionale con il nome di Parco regionale di Bracciano - Martignano.

Sulle sponde si affacciano i tre comuni di Bracciano, Anguillara Sabazia e Trevignano Romano, i cui abitati sorgono rispettivamente sui lati sud-ovest, sud-est e nord, equidistanti fra loro in linea d'aria. Un breve tratto della sponda orientale è amministrativamente parte di Roma Capitale (Zona LIX, Polline Martignano).

(Fonte Wikipedia)

logo wikipedia

contentmap_plugin

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.